Passa ai contenuti principali

Il nostro prossimo viaggio...




Non potendo venire quest'anno in Italia (salvo imprevisti...), Perla ed io stiamo organizzando il nostro prossimo viaggio che abbiamo intenzione di fare ad ottobre, quando passeranno il caldo torrido e le piogge torrenziali, nello stato di Chihuahua al nord del Messico.


Lo stato di Chihuahua presenta un territorio ricco di storia e cultura e a livello paesaggistico è uno degli stati più interessanti della repubblica.


Di questi territori fanno parte le culture dei Raramuri, conosciuti come Tarahumara.
Una cultura nativa nota per la loro abilità nel correre lunghe distanze.
La parola stessa significa in lingua nativa Piedi Leggeri in quanto veloci e sempre in movimento.
Con insediamenti sparsi su un vasto ed inospitale territorio come quello della Sierra Madre occidentale, il popolo dei Raramuri ha sviluppato la corsa di lunga distanza come mezzo di comunicazione e di trasporto. La corsa come tradizione ha anche aspetti competitivi e legati a cerimonie come quella chiamata Rarajipari la quale può coinvolgere diverse comunità anche molto distanti fra loro.


Il territorio come ho scritto prima propone bellissimi paesaggi. Incominciando dalla Barranca del Cobre un insieme di Canyon spettacolari che insieme alla zona di Urique e Tararecua offrono luoghi incantevoli dove si possono incontrare caverne, boschi di conifere, cascate, fiumi, laghi e tanta biodiversità.


Poi ancora la Valle Arareko una bellissima valle caratterizzata da formazioni rocciose plasmate dal vento e dall'acqua e che con il passare del tempo hanno assunto forme svariate.


Le rovine di Paquimé, uno tra i più grandi tesori archeologici di questo posto situato a nord est dello stato nella Valle de Casas Grandes. Un insediamento di forma labirintica fatta di argilla risalente ad una cultura che resideva tra il 700 e il 1200 d.c.. Le sue mura fatte di Adobe fanno parte del patrimonio architettonico sviluppatosi in queste zona chiamatasi Gran Chichimeca. Area compartita da diverse culture antiche che si trovavano a cavallo tra il Messico e gli Stati Uniti (Mogollon, Oatam, Seri e Anasazi). Lo spirito millenario di questi posti porta con sè anche un artigianato particolare, le ceramiche policromatiche di Paquimé sono uniche al mondo per qualità e disegno.


Le Dune di Samalayuca è un altro interessante luogo caratterizzato da dune sabbiose lungo i confini con gli Stati Uniti d'America. La sua pecularità è quella di cambiare forma costantemente per volere del vento facendole sembrare un mare pietrificato sempre in movimento molto simile alle dune del Sahara.


La capitale dello stato, Chihuahua, è anch'essa molto carina. Una cittadina tranquilla dove poter visitare monumenti coloniali e musei.


Insomma come viaggio si prospetta veramente ricco di emozioni fatte di scenari naturali, culture e storia.

Commenti

  1. Seràn bienvenidos a Mèxico y les deseo que su viaje estè lleno de sorpresas; aunque saben mucho sobre chihuahua y los Raramurì. Me emocionò mucho la narraciòn que hacen de los lugares que visitaràn.
    Yo entrè a su pàgina para agradecer a Andrea sus palabras en mi blog.

    Saludos desde Mèxico
    Marìa Felicidad

    RispondiElimina
  2. Gracias Marìa, soy italiano y vivo en Mexico (Edo.Mx) desde hace 6 años. Andrea en Italia es nombre de hombre. :) Gracias por tus comentarios. ¡Hasta Pronto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …