Passa ai contenuti principali

Los Aluxes


Nella cultura Maya c'e' un mito che parla degli Aluxes piccoli spiriti protettori delle Milpas (campi creati nella selva), delle foreste e delle montagne.
Si narrano differenti storie su di loro.
Si crede fossero creati da ancestrali misteriosi, i quali mescolando,
k'at (terracotta) con sangue di animali forti agili e audaci formavano piccole statuine le quali venivano lasciate all'interno del bosco sotto un' albero. A queste piccole statue veniva offerto del cibo Han-li cool (cibo delle montagne) e acqua fresca. Con il passare del tempo questi pupazzetti sparivano misteriosamente acquistando la loro reale vita.
Si narra anche che gli Aluxes fossero abituati a portarsi con se bambini trovati nel bosco nella Ca-cab (casa degli Aluxes) per poter insegnargli cose sopranaturali da mettere in pratica nelle proprie comunità. Quando i bambini crescevano gli Aluxes li riconducevano al luogo dove li avevano incontrati convertendoli in Hmen.
Gli Hmenes sono persone particolari che conoscono tante cose della natura e del proprio luogo, sanno parlare la lingua maya molto bene e molto più veloce di qualsiasi altra persona della comunità. Partecipano al rito dell'Han-li cool e sono uomini medicina che aiutano le persone malate e bisognose.

Creature dalle piccole dimensioni fanno parte dei miti di molte culture sparse in tutto il mondo: l'Irlanda ha i relativi Leprechauns.

Gnomi, Trolls, Gremlins, Folletti
sono conosciuti un pò in tutta Europa, in Giappone i Kodama (piccoli spiriti che manifestano lo stato di benessere della foresta)

Esseri che si assomigliano e che appaiono nella quotidianità come elementi mitici e leggendari che si sono perpetuati attraverso la tradizione orale, la letteratura e nei nostri giorni con colorate immagini del piccolo e grande schermo.

Approfondimenti: 1 (Español)


Commenti

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …