Passa ai contenuti principali

Wim Wenders



Che belli i films di Wim Wenders: poetici, visionari, descrittivi dove l'espressione visiva è sempre in connubio con la musica completandosi nel suo stile inconfondibile.

Come dimenticare il road movie Lo Stato delle Cose.
Paris, Texas con Nastassja Kinski: la polverosa storia d'amore raccontata tra le note tex-mex di Ry Cooder in sottofondo. Il Cielo sopra Berlino e poi il suo sequel Cosi lontano, cosi vicino: storie di angeli con grandi desideri terreni. L'omaggio al cinema tra le strade e i suoni di Lisbon Story con musiche dei Madredeus. E poi ancora Fino alla fine del Mondo, un inno al viaggio e al movimento, Al di là delle nuvole diretto insieme a Michelangelo Antonioni, il documentario Buena Vista Social Club nato inizialmente da un disco di Ry Cooder testamento della musica cubana tradizionale, e poi ancora The Million dollar Hotel da un progetto di Bono degli U2 che ha scritto e cantato alcune canzoni che accompagnano il film.


Da sempre Wenders nei suoi viaggi porta con sè la macchina fotografica per poter immortalare i momenti più importanti che incontra nei suoi percorsi. Recentemente ha pubblicato un altro libro fotografico, Immagini dal pianeta terra, dove vengono ritratti paesaggi a volte incontaminati dalla presenza dell'uomo.




In queste immagini Wenders ci mostra luoghi che sono scomparsi o che stanno scomparendo ma con tante storie da raccontare.

Montagne, luoghi desolati come quelli dei motel o stazioni di benzina abbandonati tra strade polverose in mezzo al deserto, passando poi per monasteri giapponesi, tra le strade di Berlino oppure tra foreste e ancora l'Havana, l'Australia e tanti altri luoghi ancora, passando anche per il Ground Zero di New York.

Prospettive panoramiche urbane o naturali che riescono a trasmettere quel senso di vastità che a volte sfugge ad una semplice occhiata immersa e distratta dalla quotidianità e in cui non si comprendono memorie e le nostre storie.


"I luoghi hanno memoria. Ricordano tutto. Il ricordo è inciso nella pietra. È più profondo delle acque più profonde. È come sabbia delle dune, che si sposta di continuo."

Wim Wenders



Approfondimenti: 1 e 2

Commenti

  1. Ciao ho scoperto oggi il tuo blog. Mi piace :-)

    Ciao!

    Michele

    RispondiElimina
  2. Ciao Michele, mi ha fatto un enorme piacere la tua visita :) Voglio porgere i miei migliori auguri per il tuo nuovo progetto: il blog-podcast http://www.nelgarage.libsyn.com/

    A presto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …