venerdì 18 gennaio 2008

Ashes and Snow


Dopo essere stata convertita dai politici attuali in una sorta di Disneyland con spiagge artificiali, piste di pattinaggio sul ghiaccio e altre splendide trovate, Città del Messico riesce ad ospitare finalmente un grande evento: l'esposizione Ashes and Snow dell'artista Gregory Colbert nel poliedrico Museo Nomade. Ashes and snow (Ceneri e neve) è la memoria comune delle terre, della gente e degli animali raccontati con filmati, foto e racconti secondo l'ottica dell'artista. Nessuna immagine è stata modificata digitalmente o sovrapposta. Nessun fotomontaggio. Materiale spontaneo captato dalla sensibilità dell'artista in giro per il mondo. Una espressione poetica di relazioni armoniose tra uomo, animali e natura. La mostra inizierà domani 19 di Gennaio nella piazza dello Zocalo. La struttura di ricezione è stata progettata dall'architetto Colombiano Simón Vélez e si compone in gran parte di materiali riciclabili e riutilizzabili, dimostrando le pratiche sostenibili con metodi rinnovatori e relativi all'ambiente in cui si trova. Colbert continuerà a collaborare con architetti innovatori per integrare tecniche più recenti riguardante l'architettura sostenibile dando una espressione peculiare al museo mentre viaggerà. Fino adesso la mostra è stata vista da più di un milione e mezzo di persone. Un primo assaggio della mostra fù dato nel 2002 nell'Arsenale di Venezia che, costruito nel 1104, ispirò i concetti architettonici del museo nomade. In questi 3 ultimi anni l'esposizione ha visitato città come New York, Santa Monica e Tokio.

www.ashesandsnow.org

4 commenti:

  1. Bellissimo e complimenti per i post sempre interessantissimi.
    Bob

    RispondiElimina
  2. stamane ho visto sul sito di "el universal" una foto del "palazzo" de la mostra e un articolo (molto povera, pero che mi ha ingolosito e ho cercato di piu') che parlava della mostra, sembra interessantissima!
    citta' del messico e' un posto che non mi rende orgogliosa del mio paese, pero' finalmente hanno fatto qualcosa che puo' "insegnare" qualcosa ai miei compaesani e non soltanto cose ridicole come le spiagge e la pista di patinaggio che vogliono eclissare in modo ridicolo i grossi problemi che ha quella citta'.
    sei stato andrea??

    RispondiElimina
  3. Ancora no Diana. Penso il prossimo mese. Ieri siamo stati vicino a Città del Messico ma per un battesimo e non abbiamo avuto tempo di andare in centro.

    RispondiElimina