lunedì 14 aprile 2008

Meccaniche dinamiche

Nella mia vita non possono negare il fatto che la bicicletta non abbia avuto un ruolo importante nella mia vita.

Le prime pedalate le ho date a Milano la mia città natale dove mia madre mi insegnò ad andare in bici nel vicino parco Lambro.

Per motivi di lavoro di mio padre ci trasferimmo a Castel Trosino un paesino vicino ad Ascoli Piceno. Un piccolo borgo circondato da verde e montagne che nascondono travertino. Qui ho passato una meravigliosa infanzia girovagando in bici sui sentieri dei boschi ombreggiati da querce e castagni. Avevo una bici da cross di color verdino. Chiesi ai miei genitori di mettere un cambio di rapporti sui pignoni: ne aveva tre!

Una piccola curiosità: a Castel Trosino la Mountain bike è considerata come uno sport nazionale grazie ai risultati agonisitici del gruppo del Castel Trosino Superbike.

Ritornando a noi nell'83 ci trasferimmo in un paesino di mare in abruzzo.
Qui insieme agli amici si costruivano biciclette dai rottami di altre bici. Ne uscivano fuori curiosi ibridi.
Crescendo mi conformai con la famosa graziella una bicicletta pieghevole di color bianco che mi portava da una parte all'altra del paese. Un mezzo di trasporto che con il suo portacchi posteriore permetteva di girare anche con dietro un amico generalmente in piedi a mò di faro. Bei tempi caratterizzati da una semplice spensieratezza fatta anche di questi piccoli aneddoti.
Durò abbastanza questa bicicletta riuscendo a mantenere duro il boom delle mountain bikes fino a quando me la rubarono sotto casa in una notte d'estate.

Fù così che nei primi anni novanta cedetti anche io alla tentazione mountain bike e mi comprai un' Atala di acciaio di colore nero metalizzato.
Con questa bici incominciai a percorrere distanze abbastanza lunghe nonostante il peso rilevante dovuto al materiale con cui era costruita.

Considerando il fatto che macinavo chilometri su strada e considerando anche la costanza delle mie uscite, decisi di comprare una bicicletta da corsa per poterla integrare agli allenamenti che stavo facendo di nuoto e corsa.

Acquistai nel 98 una bicicletta da strada in alluminio marca Carrera che ho tutt'ora in Italia e che uso ad ogni mio ritorno.

Con la carrera ho girato molti posti delle Marche, dell'Umbria e degli Abruzzi conoscendo con il sudore molti luoghi che caratterizzano questi posti fatti di mare, colline e montagne. Girare posti in bici è una cosa davvero bella.

Con la Carrera ho anche partecipato a gare di triathlon in Italia. Per due anni ho anche fatto parte della Flipper Triathlon un gruppo di amici davvero straordinario


La leggendaria Carrera ed io durante una gara di Triathlon nel 1999


Questa bici mi ha regalato un sacco di emozioni e mi ha fatto scoprire un mondo del tutto nuovo quale quello della bici su strada.

Alla fine del 2001 mi sono trasferito in Messico lasciando la passione della bicicletta in Italia.

Ho vissuto qualche anno vicino a Città del Messico senza andare in bici.

Trasferendomi successivamente in provincia le cose son cambiate.

Da qualche giorno mi è venuto un senso di irrequietezza, una voglia di scoprire i luoghi che si trovano nei dintorni di casa mia in mountain bike.
Mi son deciso e la settimana scorsa ho comprato qui in Queretaro una Trek 4400 in alluminio



Ho gironzolato con lei sugli sterrati vicino casa mia per tutta la settimana alternandola con la corsa.
Erano quasi due anni che non pedalavo. Insieme alla corsa si è aggiunta ancora una volta la bici.

Mi sono sentito emozionato per l'ennesima volta come quel bambino nel parco di una trentina di anni fà.

6 commenti:

  1. interessante il tuo nuovo apparechio, andrea.
    farai dei bei giri : )
    e' stato un periodo della mia vita che l'ho trascorso sulla bici, fra i 9 e 14 anni. ora e' il mio mezzo ufficiale, anche se qua e' un po' pericoloso : P

    RispondiElimina
  2. Quel tipo mezzo nudo in bicicletta sei tu????
    La Graziella l'avevo anch'io.... Mitica!!!
    Abitavo in campagna a quel tempo (e non ero stata capace di apprezzare la mia fortuna... Gioventù!!!) ed era l'unico mezzo che mi consentiva spostamenti indipendenti anche di una certa importanza... E' stato il mio cavallo fino ai 19 anni, quando poi presi la patente e lei rimase dimenticata in un angolo del garage.
    Andavo con lei a scuola in città (12 Km all'andata e 12 al ritorno - il ritorno tutto in salita!!!), andavo con lei a trovare gli amici, andavo con lei a zonzo alla scoperta di luoghi e angoli che nessun'altro conosceva (o almeno così credevo io... il che era lo stesso!!!...)... Una volta sono andata con lei al mare (60 Km) con un folto gruppo di amici biciclettati...
    Che esperienze, che gioia, che meraviglia...
    E' un po' che penso di comprarmi una bicicletta, ma ormai qui è impossibile circolare. obbiettivamente, è troppo pericoloso!!!
    Ciao Andrea, un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  3. devo aggiungere che anch'io ho avuto una graziella!
    era di mia suocera... me l'hanno rubata in piazza castello.. managgg..

    RispondiElimina
  4. Nei centri urbani è sempre più un problema circolare in bici ed è un vero peccato perchè i comuni dovrebbero orientarsi più su questo tipo di mezzo per spostarsi in determinati periodi dell'anno piuttosto che in macchina.

    Francesca si sono io quel tipo mezzo nudo. Nella gare di triathlon si gareggia così perchè prima della sezione della bicicletta si nuota.

    Diana cosa ti ha detto la suocera dopo il furto? :D

    RispondiElimina
  5. Ciao Andrea, grazie del tuo commento gentile! Ti aggiungo anch'io nella mia lista dei blog preferiti (ti "monitoravo" da tempo :D)

    Anch'io amo molto la bicicletta, ho comprato la macchina in funzione della possibilità di caricarmi la mountain bike sul tetto, cosa che non sono mai riuscita a fare, vuoi perché non arrivo al tetto della macchina neanche per sbaglio, vuoi perché nei dintorni, i posti per pedalare sono pochi... e così ho incominciato a camminare. Ma ti invidio, vivi in un posto che pare essere splendido...

    RispondiElimina
  6. Grazie Marina per la visita e per il tuo commento :)

    RispondiElimina