mercoledì 5 novembre 2008

La Mariposa Monarca

Questa mattina i lucernai della mia casa proiettavano sulle pareti e il pavimento strane piccole ombre in movimento. Con curiosità mi sono affacciato dalla finestra. Con stupore mi accorgo che sono farfalle. Centinaia di farfalle che viaggiano in direzione sud. Sono le farfalle Monarca. Le riconosco dai colori caratteristici delle loro ali. Che emozione vederle passare.
Silenziose, instancabili, enigmatiche.


Arrivano dalla regione dei Grandi Laghi degli Stati Uniti e del Canada, dove ogni estate nascono quattro generazioni di farfalle monarca. Di queste la quarta, che a prima vista assomiglia alle precedenti, è speciale. L'istinto gli ordina di non accoppiarsi ma di accomulare energia alimentandosi di nettare. Questa generazione vive almeno 8 volte in più rispetto a quella precedente. In questo modo potranno completare la migrazione più lunga compiuta su questo pianeta da un insetto.


Valendosi anche dell'aiuto del vento, possono percorrere almeno 120 km al giorno. Scappano dal freddo del nord e navigano in un luogo dove stavano i loro antenati.

5 miliardi di farfalle viaggiano in direzione sud fino al Messico percorrendo 4 mila chilometri. Solo una di cada 5 farfalle sopravviverà ai pericoli di una migrazione cosi lunga ma sono cosi numerose che 1 miliardo di farfalle termineranno il viaggio per passare l'inverno nel bosco che rassicurerà la loro sopravvivenza fino all'arrivo della primavera: il santuario della Mariposa Monarca nello stato di Michoacán, Messico.


Come un essere cosi fragile e piccolo è capace di attraversare tutto un continente per arrivare in un luogo in cui mai è stato, rimane uno dei misteri più grandi della natura. L'arrivo della farfalla monarca ha anche un significato mistico per la popolazione locale. Il loro arrivo coincide con la festa messicana del Día de Muertos. La gente del posto crede che lo spirito delle persone care morte ritornino a casa sulle ali di queste creature. Le farfalle passeranno l'inverno immobili su alberi in uno stato di letargo. In primavera rinizierà un'altra migrazione al nord contraddistinta dall'accoppiamento il quale farà portare dalle femmine le uova fertilizzate e il segreto di come una distante generazione futura ritornerà ad incontrare il suo rifugio invernale, completando cosi uno dei viaggi più misteriosi e belli della terra.


* Il Santuario della Mariposa Monarca ha una tale importanza ecologica da essere stato dichiarato Reserva de la Biosfera, il che gli conferisce, almeno in teoria, un certo grado di tutela.

Tuttavia il disboscamento illegale, che interessa fino al 60% della riserva, ha severemante danneggiato l'habitat delle farfalle: è difficile cambiare le tradizioni e impedire agli allevatori locali di tagliare la preziosa legna, piantare granturco e portare il bestiame a pascolare sul terreno utilizzato dalle farfalle.

Alcune organizzazioni stanno tentando di dissuaderli da queste pratiche, offrendo alle comunità locali incentivi per proteggere le loro foreste.

Per ulteriori informazioni ed eventualmente dare il proprio contributo a questa causa si possono consultare i seguenti siti:

http://www.michoacanmonarchs.org/

http://www.wwf.org.mx/wwfmex/esp_mm.php

4 commenti:

  1. Che meraviglia, Andrea!
    E che stupendo mistero questa migrazione silenziosa. Noi esseri umani crediamo di sapere tutto, ci consideriamo i padroni del mondo... ma non sappiamo niente, niente di veramente importante, non trovi? Cerchiamo la forza delle cose grandi, cerchiamo posti sempre più lontani, addirittura fuori dal nostro pianeta... eppure non siamo riusciti a capire il segrato di questa piccola farfalla.
    Forse sono davvero le anime dei morti che suggeriscono all'orecchio della farfalla la strada per tornare al luogo dove tutto è iniziato... Forse gli antichi, che diedero vita a questa festa, avevano capito tutto!!!
    Ti abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Come dare torto alle tue belle parole Francesca?

    L'istinto è qualcosa di molto profondo, misterioso ed indecifrabile.

    Analizzare la vita è davvero semplificativo.
    La risposta rimane celata in quell'instancabile battito d'ali.

    Un abbraccio anche a te

    RispondiElimina
  3. Che spettacolo magnifico....che, come al solito, l'uomo vuole calpestare in nome del business.

    RispondiElimina
  4. Sono le farfalle piu' belle che ci siano!
    Non sono mai stata dal cosi' detto "santuario", pero' da mia madre arrivano alcune e rimangono li'. Una volta arrivavan in tante, ce n'erano anche molti piu' alberi.
    Bel post paisa' : )

    RispondiElimina