sabato 7 febbraio 2009

Le voci di un paese


Messico è il secondo paese con maggiore numero di lingue parlate nel mondo.
Minacciate dalla cosidetta globalizzazione queste lingue rappresentano anche un modo per capire meglio la varietà di culture di cui è composto questo paese.
A partire dall'anno 2000 l'Instituto Nacional de Lenguas Indigenas cominciò un censimento e una categorizzazione delle lingue parlate attualmente in Messico.
Un lavoro molto difficile e complesso considerando il territorio e le vastità di culture e per questo motivo ancora non completo.

Nel 2007 sono stati censiti 68 gruppi linguistici:

Akateko Amuzgo Awakateko Ayapaneco Cora
Cucapá Cuicateco Chatino Chichimeco jonaz Chinanteco
Chocholteco Chontal de Oaxaca Chontal de Tabasco Chuj Ch'ol
Guarijío Huasteco Huave Huichol Ixcateco
Ixil Jakalteko Kaqchikel Kickapoo Kiliwa
Kumiai ku'ahl K'iche' Lacandón Mam
Matlatzinca Maya Mayo Mazahua Mazateco
Mixe Mixteco Náhuatl Oluteco Otomí
Paipai Pame Pápago Pima Popoloca
Popoluca de la Sierra Qato'k Q'anjob'al Q'eqchí ' Sayulteco
Seri Tarahumara Tarasco Teko Tepehua
Tepehuano del norte Tepehuano del sur Texistepequeño Tlahuica Tlapaneco
Tojolabal Totonaco Triqui Tseltal Tsotsil
Yaqui Zapoteco Zoque

Cliccando su di una lingua vengono visualizzate le diversità del gruppo linguistico.
Il Zapoteco ad esempio raggruppa più di 60 varianti

Le seguenti sono le 5 lingue con maggiore pericolo d'estinzione con le persone rimaste a parlarne:
  1. Kiliwa (55 persone)
  2. Cochimí (96 persone)
  3. Ixil (108 persone)
  4. Kickapoo (144 persone)
  5. Kumiai (185 persone)
Queste invece sono le 5 più diffuse:
  1. Náhuatl (1.659.029 persone)
  2. Maya (892.723 persone)
  3. Mixteco (510.801 persone)
  4. Zapoteco ( 505.992 persone)
  5. Tsotsil (356.349 persone)

Qui nello stato di Queretaro tra le comunità indigene si parlano principalmente 3 lingue: Otomí, Pame e Huasteco.
Con le trascorse migrazioni si possono però anche trovare gruppi di lingua Purépecha, Mazateco, Triqui e perfino il Maya.

Se siete curiosi di ascoltare la pronuncia di alcune lingue, in questa pagina ne potete trovare 25 delle 68 parlate in Messico.
Ognuna dá una spiegazione orale riguardante la Ley General de Derechos Lingüísticos de los Pueblos Indígenas (legge generale dei diritti linguistici dei popoli indigeni).
Una legge che cerca di preservare un patrimonio sempre più a rischio.

11 commenti:

  1. Grazie per il bell'articolo Andrea!
    Ti segnalo che ci dev'essere un problema con i links, mi dice link non trovato per tutti i collegamenti a www.inali.gob.mx.

    Tra tutte queste lingue, sono riuscito a sentir parlare in prima persona solo nahuatl, otomi e mixteco.

    Quando incontro qualche marchantita a Città del Messico e sento che non parla spagnolo con i figli, chiedo sempre in che lingua parla e l'ultima volta ho anche fatto un piccolo video dell'erede che giocava con una bimba otomì.

    Ciao!

    RispondiElimina
  2. È andato in tilt l'intero sito della INALI!
    Magari riprova in questi giorni.
    Non ho proprio idea di cosa sia successo al loro server.

    ¡Saludos!

    RispondiElimina
  3. Bel post, paisa!
    Purtroppo io non ho imparato nessuna : (

    RispondiElimina
  4. Ti difendi bene però paisà: sai parlare lo spagnolo, l'italiano, l'inglese e un pizzico di francese :)

    Flavio, il sito dell'INALI ha ripreso a funzionare :)

    Saludos

    RispondiElimina
  5. Grazie per la segnalazione, mi sono capicollato subito a sentire.

    Ci sono lingue fantastiche con suoni assolutamente pazzeschi!

    D'altronde gli aztechi prendevano in giro gli spagnoli per la loro lingua "impastata" che non gli consentiva di ripetere decentemente le parole indigene.

    Ciao!

    RispondiElimina
  6. ciao!!! complimenti del articolo troppo bello, mi è riccordato quando andavo in scuola e facevamo delle ricerche su questo. Ma noi i giovanni purtroppo non parliamo questi dialecti che dovrebbemo imparare prima di un'altra lingua, sarebbe quello naturale perche sono cose nostre, il bello qua in Italia è questo che voi parlate ancora il dialetto del posto dove abitate e noi messicani se non'è perche uno ha familia che parle nahuatl, otomi, zapoteco o cose varie non lo parla e una cosa complicata spiegare. Un abbraccio desde la isla bonita!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Aris e benvenuta!
    Hai ragione... in Italia il dialetto è molto radicato nel territorio.

    Qui in Messico le cose sono differenti anche per la sua storia, gli strati sociali e per la vastità del territorio.
    Davvero un peccato lingua.
    La parola conserva un intero mondo.

    A presto!

    RispondiElimina
  8. La lingua Kiliwa è parlata da sole 55 persone??? Più o meno le persone che vivono nella mia piccolissima via!!! Incredibile!!!
    Perdere questo patrimonio sarebbe davvero un delitto anche se lingue così poco parlate sono destinate ad una sicura estinzione in questi tempi di appiattimento e di distruzione delle biodiversità (anche linguistiche).
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  9. È proprio così: ci stiamo appiattendo :(

    Un abbraccio anche a te Francesca.

    RispondiElimina
  10. Ciao Andrea!
    Fantastico questo post sulle lingue indigene messicane!
    Davvero bello.
    Sai, da un po' di tempo che, oltre al cibo mi interesso anche di studiare sui gruppi indigeni messicani (a causa della profonda nostalgia di Messico!), e ho tovato anche questo sito che alle volte ha degli articoli e delle cose molto interessanti, purtroppo è solo in spagnolo: http://www.cdi.gob.mx
    Tanti saluti!
    Raq

    RispondiElimina
  11. Raq grazie ancora una volta per la tua visita.
    Fà tanto piacere sapere che ci sono persone interessate come te a questi tipi di argomenti.
    Il sito della CDI era già nei miei favoriti in ogni modo te ne sono grato.
    Se conosci però altri links sono sempre bene accetti ;)

    Un abrazo
    Andrea

    RispondiElimina