martedì 28 aprile 2009

Pues...

Non stiamo vivendo tempi facili, tra le triste notizie prevenute dal terremoto dell'Aquila fino a questa febbre suina partita proprio qui dal Messico.
Io e Perla in questo momento stiamo bene ma con il fiato sospeso per l'evolversi di questo virus.
Dispiace vedere un paese già in difficoltà essere ancora messo a dura prova da questo problema.
Il popolo messicano è stato sempre un popolo combattente e dedito al sacrificio, qualità che ho sempre ammirato.
Non si sà ancora dove si sia sviluppato il virus trasmettibile da uomo a uomo. Si sà che se preso in tempo dentro le prime ore dalla sua manifestazione si può guarire con antivirali.
I casi sono circa 1500 in questo momento in Messico.
Tenendo conto che questo paese ha circa 100 milioni di abitanti, stiamo parlando di un 0.001% della popolazione infetta.
Inoltre in queste ultime ore le persone dichiarate infette sono diminuite.
Cifre che un pò rassicurano.
In ogni modo in questo momento non consiglio a nessuno di venire in Messico fino a quando la situazione diventi più chiara e stabile.

A presto...

5 commenti:

  1. Andrea,
    vedremo gli sviluppi, a pesar de todo sono ottimista.

    Forza e coraggio!
    Flavio

    RispondiElimina
  2. Anche io incomincio a essere ottimista, le morti accertate per il virus sono molto meno.

    RispondiElimina
  3. A parte de que el virus es serio y existe, también está la parte oscura de esa campaña para fomentar el pánico que nunca antes de había visto.
    En julio hay elecciones, yo no sé. Entre junto con pegado, algo hay.

    No se asuste, hombre.
    Hierba mala nunca muere ; )

    RispondiElimina
  4. Non parlo lo spagnolo, ma il senso dell'ultimo intervento l'ho afferrato. Non so, tu che ne pensi, Andrea???
    Di questa influenza se ne parla in tutto il mondo, si sta effettivamente fomentando un po' di panico... Mi viene in mente l'aviaria di qualche tempo fa...
    Panico generale, nessuno più che mangiava il pollo, gli uccelli erano visti tutti con sospetto...
    Comunque, le notizie che ci da, soprattutto il fatto che se presa in tempo è perfettamente curabile e che i casi stanno diminuendo sono buone notizie... ma qui nessuno le ha ancora date!!!
    Un beso
    Francesca

    RispondiElimina
  5. Io penso tramite tutte le notizie apprese in questi giorni che si stava aspettando questo tipo di mutazione di questo virus già da molto tempo.
    Ci sono stati casi in passato sia negli stati uniti che in asia: l'ultimo di febbre suina fù registrato nel 2007 nelle Filippine. Ora però il virus è diventato umano e i morti ci sono davvero.

    RispondiElimina