Passa ai contenuti principali

Firmamento Messicano


Il cielo ha accompagnato l'umanità durante la sua esistenza, e la sua influenza è stata fondamentale per l'evoluzione intellettuale. Grazie agli stimoli visuali di questo grande spazio cosmico l'uomo prese coscienza dei movimenti delle stelle intraprendendo cosi il suo cammino nel campo della scienza astronomica espandendo la sua visione cosmica.
In Messico anche l'uomo precolombiano approfondì la sua conoscenza di questo cielo pieno di bellezza ma allo stesso tempo pieno di incognite. Con il passare dei secoli imparò a sviluppare tecniche per conoscere i movimenti ed i periodi di osservazione dei principali corpi celesti. Riuscì cosi a generare un punto temporale per organizzare tutte le sue attività creando un sistema basato su di un calendario essenziale per il funzionamento di quelle società. Questo avvicinamento agli astri da parte dell'uomo mesoamericano era il risultato di un sentimento culturale che attribuiva il comportamento degli astri con quello degli dei.
Praticamente si considerava il calendario come un dono di queste divinità dato all'uomo per potersi beneficiare.
Nonostante questa prerogativa i numerosi conseguimenti da parte dei sacerdoti-astronomi preispanici possono essere catalogati come attendibili risultati scientifici. Questa conoscienza si integrò con lo sviluppo di alcuni manufatti relazionati agli astri, come i codici, le stele, le ceramiche, le pitture murali, i petroglifici e l'architettura. Forme e orientazioni che aiutano a capire il processo ideologico di queste civiltà.
Lo studio archeoastronomico si concentra in queste espressioni singolari.
Il Codice Maya ad esempio contiene tavole dove vengono descritti periodi di osservazione di alcuni pianeti così come il registro di eclissi della luna e del sole. Risultati ottenuti oltre che con la paziente osservazione del cielo anche da calcoli complessi.


Una pratica che prevalse durante tutta l'epoca precolombiana fù l'orientamento di strutture architettoniche lungo direzioni definite dagli eventi astrali. Come in altre culture antiche, si eressero piramidi e palazzi orientati verso il disco solare all'orizzonte, il Paso Cenital (il passo del sole sopra lo zenit che si presenta nella zone prossime al tropico) oppure nei giorni dell'equinozio o del solstizio.
Si costruirono anche strutture dove in questi particolari giorni si potevano notare giochi di luci o ombre.

In passato ho già parlato di alcuni siti archeoastronomici messicani dove si potevano osservare questi tipi di effetti ottici.

Vennero anche costruite strutture allineate con altri corpi celesti come la luna, venere o la via lattea che permettevano di osservare movimenti e cicli.


Di questi osservatori in Messico se ne conoscono pochi ma c'e' da dire che le nostre conoscenze in merito a queste misteriose civiltà è minimo. Si suppone inoltre che molti siti siano ancora nascosti altri invece sono stati distrutti con l'arrivo degli spagnoli.

I principali osservatori che si conoscono attualmente in Messico sono i seguenti:

El Caracol
Chichén Itzá, Yucatan


Attraverso dei suoi elementi architettonici, vani di entrata, finestre, nicchie, scalinate e vertici delle sue piattaforme, si segnalano le posizioni nell'orizzonte dove sorgono e tramontano diversi tipi di oggetti celestiali come il sole, la luna e venere durante la loro traiettoria. All'epoca della loro costruzione si indicavano anche la posizione di altre stelle particolarmente brillanti.

Edificio Circular de Mayapán
Yucatan


Situato nella ultima grande città maya prima dell'arrivo degli spagnoli, questo edificio ha quattro accessi e delle nicchie interne con pitture murali. Insieme segnalavano la posizione del sole nei giorni astronomicamente importanti coincidendo con date del loro calendario che divideva l'anno solare in porzioni espresse in numeri.

Conjunto de la Plaza de la Estela de los Dos Glifos
Xochicalco, Morelos

Il punto di osservazione è segnalato da una stella al centro della piazza corrispondente al nome del calendario di Quetzalcóatl. Il giorno dell'equinozio il sole si allinea lungo l'asse di questa stella. Gli estremi della piattaforma inoltre indicano la posizione del sole nei giorni del solstizio. È così possibile utilizzare questa osservazion per determinare anche la durata esatta dell'anno solare.

Cueva Astronomica de Xochicalco
Xochicalco, Morelos

Una grotta naturale sistemata dagli architetti-astronomici precolombiani permette di calibrare non solo l'anno solare ma anche osservare il Paso Cenital. Inoltre la geometria della camera di osservazione si accomodò in modo tale che le date estreme in cui la luce solare penetrava in questa grotta indicavano l'arrivo di due date importanti per tutto il mesoamerica. Queste date sono il 29 di aprile e il 13 di agosto. Date che dividevano l'anno solare del loro calendario.

Observatorio Cenital del Edificio de Monte Albán
Oaxaca

La sua camera di osservazione possiede un tubo di pietra verticale dove venivano registrate i giorni del Paso Cenital in Monte Albán. Le date estreme di entrata dei raggi solari si incontrano a una distanza temporale di 65 giorni, prima e dopo del giorno del solstizio estivo.

Cueva Astronomica en Teotihuacan
Estado de México

Questa grotta localizzata al sud-est della piramide del sole è profonda quasi quattro metri. Al suo interno si trova una stela liscia e un altare. In base allo spessore dell'entrata della luce solare la grotta permette il registro dei solstizi e degli equinozi oltre che il Paso Cenital illuminando direttamente sia la stela che l'altare. Questa grotta di osservazione si utilizzò per calibrare la durata dell'anno solare con grande precisione.

Riferimento: 1 (file pdf)

Commenti

  1. eh, e io son qua a NON guardare il firmamento modenese, causa nuvole/pioggia/foschia/nebbia.

    Facciamo cambio?

    ;-)

    RispondiElimina
  2. Se ti può consolare in questi giorni ci sono perturbazioni anche qui in Messico :-)

    RispondiElimina
  3. non mi consola per niente :-P

    :-DDD

    RispondiElimina
  4. Sto studiando proprio questo Andrea! Maya e Inca....se vieni in Italia sappi che fino a Luglio c'è una mostra FANTASTICA sugli Inca a Brescia. C'entra pochino col Messico ma intanto te lo dico ;-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. Molto interessanti come segnalazioni.
    Grazie tante ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …