Passa ai contenuti principali

Ritorno alle origini

Chili & io

Vibram FiveFingers KSO. Sono arrivate una quindicina di giorni fà dopo un'attesa di oltre un mese in quanto in Messico sono un pò difficili da reperire. Elastiche e leggerissime (non arrivano ai 320 gr il paio), sono come dei guanti in tessuto strech antiabrasivo che si mettono ai piedi per poter camminare in modo naturale. Permetteno un contatto diretto e profondo con l'ambiente circostante. Una suola di 3.5 mm è l'unica barriera che separa il piede dal terreno ma non impedisce di avere sensibilità, equilibrio, agilità e propriocezione. Sono state concepite insomma per agevolare la naturale biomeccanica del piede. Un ritorno alle origini.

In quindici giorni ho sentito un miglioramento nei muscoli delle mie gambe, nel tipo di camminata e nella mia schiena che in questi ultimi tempi mi stava dando qualche problema.

All'inizio bisogna usarle gradualmente (1 o 2 ore al giorno) in quanto vengono riattivati muscoli e posizioni di camminata che con le scarpe convenzionali sono stati assopiti con anni di costrizione.

Ieri ho iniziato a correrci. La sensazione è certamente quella di correre a piedi nudi nonostante si abbia quella protezione millimetrica che permette di muoversi con più sicurezza contro le abrasioni.

Sento il piede aprirsi in cerca di un buon appoggio. Si ha una piacevole sensazione di espansione sotto la pianta del piede. Quest'ultimo sembra esplorare in maniera più diretta il suolo in cui appoggia. Le falcate sono più vigorose, decise e potenti.

Quando si corre a piedi nudi si atterra sull'avampiede. Il tallone appoggia di seguito controllato dai muscoli del polpaccio.
Nelle scarpe da corsa tradizionali il tallone è più rialzato rispetto all'avampiede. Con le FiveFingers il tallone e l'avampiede sono sullo stesso livello proprio come se fossimo a piedi nudi.
Le FiveFingers danno la possibilità di correre in modo naturale e cioè appoggiando sul terreno prima l'avampiede coinvolgendo i muscoli del piede e della parte bassa della gamba solo nel momento in cui si appoggerà il tallone al terreno.
Questo stile di corsa è più corretto e porterà a un numero minore di infortuni, oltre a essere biomeccanicamente più sano dal punto di vista della distribuzione dell'energia e della forza.

Un video per capire meglio la differenza:


Il corpo umano non è fatto per correre con l'appoggio sul tallone ma dell'avampiede.

Ora non mi resta che incominciare ad incrementare le distanze riscoprendo un pò alla volta il vero senso della corsa.

Commenti

  1. Paisano, maaaaa i tuoi piedi sono quelli sopra o quelli sotto?

    :-D

    RispondiElimina
  2. Entrambi... a volte sono quadrupede :D

    RispondiElimina
  3. Grazie al tuo post ho fatto una gran bella scoperta! voglio documentarmi meglio per capirne di più: io sono uno che a casa adora camminare scalzo e, ti dirò di più, quando d'estate cammino sugli scogli, in riva al mare, non mi riesce se calzo delle scarpe. Sarà un inconscio -e sano- desiderio di ritorno alla natura?

    BUENA VIDA

    RispondiElimina
  4. Fà piacere che sia stato utile questo post Capitano.
    Secondo me, camminare o correre a piedi scalzi permette di conoscere il mondo in una maniera più diretta e consapevole.
    Una ri-scoperta del nostro potenziale umano primordiale.

    Nella lista dei miei blogs preferiti puoi trovare links utili a riguardo.

    Saluti d'oltreoceano :)

    RispondiElimina
  5. Belle Andre'!
    Immagino che indossarli sia una scoperta di nuove sensazioni di muscoli e ossa!
    Ma funzionano su qualsiasi tipo di terreno?, sto pensando a i terreni con tanto di ghiaia sciolta che c'e' dalle tue parti, vanno bene lo stesso?

    RispondiElimina
  6. Ciao Diana!
    Effettivamente hanno un design particolare e sono state premiate come "Best Time Inventions 2007".
    Sono idonee per light trekking, quindi anche per gli sterrati che ho nei dintorni, ma anche per arrampicata, canyoneering, corsa, fitness training, arti marziali, yoga, pilates, vela, navigazione, kayak, canottaggio, surf, pesca, viaggi...
    Per terreni più impegnativi ci sono le FiveFingers KSO Trek (prossimo acquisto) che si trovano solamente negli States in questo momento, nonostante la Vibram sia una ditta Italiana.
    In America hanno fatto successo grazie a nuovi metodi di allenamento come il ChiRunning e il Pose Method e soprattutto al Best-Seller Born to Run di Christopher McDougall ambientato in Messico nella terra dei Tarahumara...

    RispondiElimina
  7. Forte!!!!! Ma nel bosco non si rovinerebbero secondo te? Comunque davvero un'idea bizzarra ma veramente grandiosa *_*

    RispondiElimina
  8. Chissà quando arriveranno qui in Italia... a buon sperare, sarò già vecchia!!!

    RispondiElimina
  9. NycteaNoctua nel bosco non si rovinano.
    Le suole vibram sono famose per la loro ottima resistenza. Devi fare solo attenzione agli oggetti contundenti come il vetro o chiodi ed evitare le pietre appuntite.

    Paola in Italia si trovano già. Dai un'occhiata a questa pagina dove troverai alcuni rivenditori:

    http://www.vibramfivefingers.it/ita/seller.aspx#

    RispondiElimina
  10. Bella storia questa!
    Mi piacerebbe provare! Mi sa che prima o poi le compro!

    RispondiElimina
  11. Ehi paisano, mi sembra che nonostante le scarpe, qua si batta la fiacca ultimamente... ;-)

    Forza un po'!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …