Passa ai contenuti principali

Vibram FiveFingers


3 mesi con le FiveFingers, percorsi 300 km di corsa ed altri 200 camminando. Ho incominciato con un adattamento alla corsa di 5 km aumentando gradualmente il chilometraggio.

Settimana scorsa ho percorso i primi 22 km di corsa consecutiva.

Questi guanti da corsa sono praticamente intatti dopo tali distanze. L'unica parte un pò usurata sono i tiranti laterali che servono a fare aderire la scarpa al piede. Per il resto il materiale, all'apparenza debole, si è dimostrato resistente anche ai numerevoli lavaggi. Le suole Vibram hanno dimostrato di essere molto buone. Dopo 500 km sembrano ancora nuove ed ho corso e camminato su qualsiasi tipo di terreno.

Sensazioni e cambiamenti.
Sono ancora in fase di adattamento. Correre praticamente a piedi scalzi dove abito sopra sanpietrini, ghiaia e terra è veramente dura. Atterrare su pietre appuntite correndo è doloroso. Il piede in compenso si stà rinforzando. L'arco è più marcato. Ho notato anche un maggiore controllo neuromuscolare del piede, una maggiore agilità e propriocezione.
Le dita dei piedi presentano una più amplia spaziatura la quale stà riportando un pò alla volta il piede alla sua forma naturale e cioè un triangolo rovesciato e non dritto come le scarpe condizionano. Non ho avuto nessun problema a livello muscolare ed articolare anzi, solo miglioramenti. Le caviglie sono più forti cosi come tutta l'intera muscolatura delle gambe. La falcata ha assunto un movimento più rilassato e spontaneo ed ho acquisito maggior potenza nelle salite.

I prossimi obiettivi sono quelli di correre distanzi maggiori ai 22 km su qualsiasi tipo di terreno e livello.

Dopo questi mesi di prova posso raccomandare queste scarpe minimaliste alle persone che hanno intenzione di camminare o correre completamente liberi e naturali.

Commenti

  1. Ti dirò, queste scarpette fanno un po' impressione!!! Davvero sembrano guanti da piede.
    mando un grande bacio al Messico
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Devo prenderle...beh, in realtà prima ho aspettato che le provassi bene tu :PPP
    Ciao Andrea!

    RispondiElimina
  3. Cara NycteaNoctua scusami se ti rispondo solo oggi ma è da un pò di tempo che stò trascurando questo blog.
    Le Fivefingers ti permette di camminare senza troppi problemi anche su sentieri e rocce. Cerca però di usarle gradualmente in modo che i tuoi piedi e le tue gambe si rinforzino, ri-abituandoti a camminare scalza per lunghi tratti.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. wow forte questa foto io avrei bisogno delle scarpe cosi, mi sono fatta malissimo nelle ditta quando sono andata al mare a giugno mi diventano nero, perche como non so nuotara mio marito vieni vieni io ti tengo si come no mi entreo il panico e mi scivolo il piede nelle pietre e mi ho colpito non ho potutto muovere il dito come un mese jiji

    RispondiElimina
  5. sul mio faccialibbro ho anche postato una serie di consigli tecnici per la corsa ff...
    le uso dal 2006: mitologiche!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …