Passa ai contenuti principali

A volte ritorna

Uff... quanti mesi senza scrivere in queste pagine. Di cose ne sono accadute e tante dallo scorso aprile, mese in cui postai per l'ultima volta. Con piacere noto che gli articoli di Per la Terra sono costantemente letti da un gran numero di persone nonostante siano passati quasi 4 anni dalla sua nascita. I Problemi più duri del nostro pianeta, le Costruzioni in adobe, il Tour della Baja California Sur e Fivefingers sono i post più letti in assoluto. Mi fà molto piacere avere aiutato persone in cerca di informazioni.
D'altro canto questo 2010 è un anno molto intenso per me, ricco di emozioni e cambiamenti. Ho iniziato una nuova avventura che getta un pò le basi per un progetto che abbiamo in mente io e Perla.
Stò organizzando durante i fine settimana attività outdoors (Trekking, Mountain Bike, Corsa) che permettono alla gente di conoscere la bellezza dei luoghi che caratterizzano Querétaro. In un paese ancora lontano da questo tipo di cultura è una sfida aperta ma devo dire che sono soddisfatto dei risultati ottenuti fino ad ora.


La Poderosa con il mio nuovo ufficio :D

Per me è un grandissima occasione per conoscere luoghi e persone con cui compartire parte della vita. Una esperienza quindi che mi aiuta a capire meglio il territorio rispettandolo.

Non ho dedicato tempo a questo blog ma non ho mai pensato di abbandonarlo o di chiuderlo anche perchè, come menzionavo prima, gli articoli che ho scritto in questi 4 anni sono stati e saranno utili a molte persone.

Questo blog è essenzialmente nato come inno alla terra e alle anime che la popolano ma in questo momento più di scrivere su queste pagine sento la necessità di cantare questo inno agendo all'esterno. Se sentirò la necessità di scrivere altri post in questo blog non esiterò comunque a farlo!
A presto...

Commenti

  1. Ciao Andrea,
    che bell'ufficio che hai. Te lo invidio!!!
    Auguri per l'avvio della tua nuova, interessantissima attività. Sono certa che andrà benissimo. L'idea è ottima e interessante e non ci sono ragioni che non possa funzionare anche in Messico.
    Sono contenta di risentirti.
    Un abbraccio d'oltreoceano
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Paisano, en buena hora!!

    Il tuo ufficio mi sembra molto spazioso, approvo incondizionatamente la scelta dell'arredo e dei colori.

    Se anche non scrivi, almeno butta qualche foto su flickr o dove preferisci.

    Ecchediamine.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Paisano tempo fà ti commentai che butto qualche foto sul Facebook :D

    RispondiElimina
  4. Ah ma allora lo fai apposta, lo sai che sono allergico a feisbucc! ;-)

    RispondiElimina
  5. Quando vieni in Messico Paisano?

    RispondiElimina
  6. Quien sabe paisano, mi sarebbe piaciuto venire quest'anno ma poi tra il trasloco dell'ufficio, la ristrutturazione e i conti da pagare è stato impossibile. Aggiungiamoci pure che la situazione è un po' così, bah, stiamo rimandando senza sapere bene quando verrà finalmente il giorno. Curiosamente da quando smisi di viaggiare quattro volte all'anno, son sempre venuto negli anni dispari...
    Vedremo se sarà la volta buona, 4 anni di assenza possono bastare.

    RispondiElimina
  7. Bene, a Querétaro ogni 1º sabato del mese (dicembre è l'ultimo mese) organizzano un mercato di prodotti tipici locali... ti procuro la famosa marmellata al chile con scadenza anno dispari. Che sapore la vuoi?

    RispondiElimina
  8. Rigorosamente di arance!

    Doppio slurp :-)

    Speriamo che dagli anni dispari non si passi direttamente ai numeri primi...

    PS: mi devo procurare le arance, ho i miei chiles habaneros autarchici che attendono di essere sacrificati nella marmellata...

    RispondiElimina
  9. Arance! Benissimo! Allora proverò a cercarla tra le bancarelle dei prodotti tipici ;)

    RispondiElimina
  10. Come procede l'esperimento Andrea?

    RispondiElimina
  11. Scusa per la tardanza NYC... l'esperimento prosegue bene... il gruppo cresce di volta in volta :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …