Passa ai contenuti principali

Jalpan de Serra

Questo fine di settimana ho accompagnato un amico, Daniel, a una gara di mountain bike nella Sierra Gorda e precisamente a Jalpan de Serra. Ne ho approfittato per poter completare una traccia di un percorso che vorrei fare prossimamente in mountain bike lungo 60 kms che dal municipio di Pinal de Amoles arrivi fin qui. Un viaggio che comprenderà alcuni dei posti più suggestivi della Reserva de la biosfera Sierra Gorda.
Un percorso che passerà da un altezza di 3000 metri slm fino ad arrivare a Jalpan che si trova a 700 metri slm. Dai boschi si arriverà a una zona con vegetazione subtropicale. Questa è la diversità della Sierra Gorda. Semideserto-boschi-subtropicale in una distanza compresa di 80 km. 
Da Querétaro fino a Jalpan sono 3 ore di macchina.
Carichiamo le bici sulla jeep di Daniel e partiamo da Querétaro alle 6 di mattina. Arrivando a Jalpan incontriamo un sacco di compagni di bicicletta, con cui condividiamo le nostre uscite di fine settimana, pronti per la gara che incomincerà alle 10:30 di questa umida mattina. Il tempo è parzialmente nuvoloso e per il tipo di vegetazione di questa zona le piogge in questa zona non mancano.
Prima dell'inizio della gara, organizzata dal gruppo chiamato Halcones Jalpan MTB, incomincio a fare un giro lungo il percorso chiamato la Playita

 

Una strada sterrata in leggera salita mi conduce fino alla svolta dove inizia un divertente singletrack con una fitta vegetazione che sembra avvolgermi.  




Il caldo umido incomincia a farsi sentire. Il tragitto della gara è breve, 10 km, ma i corridori la devono percorrere alla loro massima velocità da 2 alle 4 volte dipendendo dalla loro gategoria. Torno al punto di partenza dove ormai tutti i corridori sono gia partiti e decido a questo punto di incominciare a visitare il tratto dell'arrivo del percorso che sto organizzando. Ritorno sullo sterrato che poco prima avevo già percorso e arrivando al punto della svolta proseguo diritto lungo una salita fino ad arrivare ad una discesa che a lato del lago di Jalpan. Un lago contenuto in una diga, ideale per accampare e fare attività in acqua come il kayak. È proprio in questo lago dove ho pensato di arrivare nel percorso di 60 km nelle prossime settimane.



Proseguo fino ad arrivare al centro di Jalpan. Qui sorge una delle chiese missionarie Francescane della Sierra Gorda, la più antica: il Tempio del Señor Santiago che si caratterizza per la sua incredibile facciata di stile barocco popolare che racchiude immagini della religione dei conquistadores insieme allo stile degli inidigeni che l'hanno costruita. 


Il chiostro con la sua vegetazione subtropicale mi ricorda in qualche modo lontamente la chiesa di Amalfi. 


La piazza principale con il suo chiosco offre ombra con i suoi alberi. 


Guardando l'ora penso che sia giunto il momento di tornare al punto di partenza della gara per vedere se Daniel e gli altri amici abbiano già finito la loro corsa. Effettivamente molti di loro sono gia arrivati. La pioggia anche non tarda ad arrivare e per alcuni minuti prima della premiazione ci rifugiamo sotto alcuni stand che si trovano vicino al traguardo. È ora di tornare a casa. Prima però un buon pranzo al ristorante Carretas deliziandoci con carne cecina e enchiladas huastecas accompagnate ovviamente da una buona cerveza

Commenti

  1. Com'è lontano questo Messico dalle peggiori notizie di cronaca.
    Invidia pura paisano!

    RispondiElimina
  2. Speriamo che sempre si mantenga questa sorte di quiete e rispetto nello stato di Querétaro. La Sierra Gorda è un esempio sostenibile che ci invidia tutto il mondo.
    http://sierragorda.net/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …