Passa ai contenuti principali

La mezza luna con la luna piena

"Il canto del mio viaggiare accompagna 
l'istante inquieto in ogni incedere, 
qualsiasi sia il cammino." 

Mirador Cuatro Palos

Il sabato passato è stato uno di quei giorni che difficilmente si potranno dimenticare. Un gruppo di 7 ciclisti di montagna si sono avventurati in uno dei posti più suggestivi di Querétaro: la montagna della Media Luna nella Sierra Gorda. Ci siamo dati appuntamento alle 6 del mattino a casa di Edgar un amico con spirito indomabile per cosi raggiungere in macchina la comunità della Quebradora, nel municipio di Pinal de Amoles intorno alle 9. 

In direzione a Cuatro Palos

Da qui ci aspettava un cammino in salita tra boschi per arrivare a Cuatro Palos dove abbiamo potuto ammirare la magia naturale della maestosa montagna della Mezza Luna. Inizialmente raggiunta la cima del Mirador, a più di 2700 metri di altezza, la nebbia ostacolava la vista di ciò che si presentava davanti a noi proponendoci uno scenario irreale. 

Il punto più alto di Cuatro Palos

I boschi ci circondavano con gran mistero nascondendo qualcosa di ancor più grande. 

Bosco di nebbia

A un certo punto la nebbia incominció a dissiparsi mostrandoci uno scenario incredibile. La bellezza della Media Luna con le sue profondità, i suoi sentieri marcati in dirupiti spettacolari, fino al fondo della valle dove si trovano l' ex convento Bucareli ed il fiume Extoraz

La Media Luna

Bucareli a fondo Valle

Mentre all'orizzonte sul versante Sud la montagna di San Joaquin imponeva la sua grandezza e in direzione ovest il picco della la Peña de Bernal si nascondeva tra la foschia. È da questo Mirador che termina la zona boscosa della Sierra Gorda per discendere nella zona semidesertica. Il sentiero è inizialmente un divertente singletrack che parte da un piccolo lago circondato da terra rossa. 

Gaby preparandosi per la discesa a Bucareli

Successivamente il percorso si intrinseca nella vegetazione che in questo periodo delle piogge è completamente verde. Quercie, pini, foglie e terra umida. L'odore dell'humus mi ricorda per qualche istante la mia terra d'origine. 

Rafa e Nicolas in azione

Il bosco dopo appena un chilometro di discesa incomincia a lasciar spazio al semideserto. Il contrasto è incredibile. Il sentiero si fà tecnico e difficile per le nostre mountain bike e spesso dobbiamo camminare alcuni tratti per la loro difficoltà. 

 "La busqueda" del cammino

Pioggia & Bici

Arriviamo alla comunità Carricillo de Media Luna dove un tal Agustin gentilmente ci indica il cammino per arrivare alla casa di Cirilo conosciuto in una uscita precedente che feci nel mese di maggio. Giusto in tempo per ripararci dalla pioggia e mangiare qualcosa. Aprezziamo l'ospitalità di Cirilo. Tempo 10 minuti e l'acquazzone passa riprendendo cosi il nostro viaggio verso la valle. 
Lasciando la casa di Don Cirilo

Il cammino ora è completamente percorribile in bici anche se ancora tecnico e con serpentine e precipizi ancor più suggestivi.
Passiamo così la Cola del Lobo e El Engañoso nomi che da soli spiegano in parte la difficoltà del percorso.

Sezione finale della discesa Cola de Lobo

Gaby

 Edgar scendendo la Coda del Lupo

  Arriviamo al letto di un fiume inzialmente asciutto che ci conduce fino al Bucareli. 

La felicità di Eyder

Bucareli si trova a 1000 metri di altezza quindi facendo due conti siamo scesi 1700 metri da Cuatro Palos.
Tra foto, pranzi al sacco e varie attese arriviamo in questo paese alle 6 del pomeriggio dopo quasi 8 ore di pedalata. Ci fermiamo a visitare il fiume Extoraz, l'ex convento ovvero un convento abbandonato la cui costruzione inziata nel 1896 non fù mai completata. Questo costruzione dà un aria di pueblo fantasma a Bucareli.  
Riprendiamo così fiato facendo rifornimento nel centro del paese. 

Rio Extoraz

  Rio Extoraz

Ex Convento di Bucareli

Alle 7 di sera decidiamo di risalire al punto di partenza dove abbiamo lasciato le nostre macchine ma questa volta per la strada principale che è brecciata. 
Il sole incomincia a tramontare lasciando alle nostre spalle uno scenario meraviglioso. 


 Tramonto Querétano

Prepariamo cosi le nostre luci che applichiamo sulle bici o sul nostro casco. Parte del cammino sarà fatto di notte sotto il chiaro di luna. Ed infatti eccola che spunta tra le cime di queste montagne che ci avvolgono con la loro oscurità. Una esperienza unica dove il canto dei grilli ci accompagna ora sotto la luce della luna piena. 
Rimangono gli ultimi 22 km di salita che da 1000 m s.l.m. ci conducono a 2500 m s.l.m. al punto di partenza. Una piacevole sfida con se stessi e le ultime forze rimaste dopo questo giorno intenso.


Spunta la luna dal monte!

Il nostro viaggio termina alle 11 di notte! Esausti pero contenti ed emozionati della grande avventura e dei paesaggi maestuosi che ci hanno accompagnato durante l'intero cammino.
Sicuramente uno dei percorsi più belli di queste zone.

Commenti

  1. Fantastico percorso.
    Son contento per te paisano.

    RispondiElimina
  2. Quando verrai a trovarmi ce lo faremo un giretto insieme anche solo camminando paisano ;)

    RispondiElimina
  3. Ok, ma stavolta cambia l'account di posta elettronica, non voglio finire nello SPAM un'altra volta ! ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …