Passa ai contenuti principali

Traversate in montagna


Uscite domenicale con il gruppo in mountain bike... ancora una volta tra le montagne della Sierra Gorda :)
Questa volta partiamo da Chavarrias una comunità nel municipio di Cadereyta de Montes, sempre nello stato di Querétaro per arrivare fino a San Jóaquin e poter visitare l'area archeologica de Las Ranas.


Ci troviamo ad una altezza di circa 2900 m slm circondati da pini e quercie maestuose. Pasiamo cosi la comunità de Los Hernandez e Puerto de la Ventana.


Sotto di noi un letto di nebbia simile a un cielo ci dà la benvenuta mostrandoci uno scenario irreale.



Di fronte in lontananza sul versante opposto riusciamo a vedere il paese di San Jóaquin. Vedendolo cosi lontano qualcuno del gruppo si scoraggia un pochettino ma in fin dei conti ci separano solamente una quindicina di chilometri.


Scendiamo lungo una strada sterrata a serpentina fino ad arrivare a El Doctor.


El Doctor è un piccolo paese dove l'attività principale è il settore minerario. Il nostro arrivo in bici sembra quasi interrompere la quiete del posto. La gente è incuriosita domandandosi sicuramente come siamo arrivait fin lí e dove ci dirigeremo. La piccola e tranquilla piazza con il suo municipio ed un simpatico chiosco contrasta con i colori vivaci tipici di questo meraviglioso Messico coloniale.



Riprendiamo la marcia verso San Jóaquin. Passiamo per un cammino divertente e abbastanza tecnico che ci conduce questa volta in una zona boschiva dove sbocca in una strada sterrata.




I profumo degli alberi, alcuni di loro anche da frutta, ci riempiono i polmoni.



Passiamo per le comunità del El Suspiro, Cruz de Encino, La Carbonera, Los Pozos, Puerto de Ramirez, fino ad arrivare dopo una trentina di chilometri al paese di San Jóaquin. Qui visitiamo la Piazza principale con la sua chiesa.


Piccola sosta per poter poi completare gli ultimi 3 chilometri ed arrivare finalmente all'area archeologica de Las Ranas.
Ranas fù una grandiosa città del periodo Classico del Messico antico. Per molti motivi puù considerarsi unica nell'ambito mesoamericano: la sua ubicazione sulla cima di due montagne, il suo dintorno boschivo, la sua vocazione commerciale, il suo stile architettonico e sopratutto per il suo sviluppo autonomo di una cultura autoctona della Sierra Gorda chiamata Los Serranos.


Ranas come accennato prima si trova sulla cima di due montagne che unendosi formano un lungo corridoio. Questa ubicazione risulta formidabile perchè offre splendidi panorami.


Ovviamente da qui si potevano controllare tutte le zone di accesso limitrofe. Questa città fungeva anche come centro di una ricca area mineraria. Ai piedi delle montagne dalle quali si eleva Ranas sono state scoperte 14 miniere dalle quali si estraeva il Cinabro (solfuro di mercurio), il prezioso pigmento rosso che circolò per tutto il mesoamerica classica. Las Ranas intercambiava questo minerale per altri prodotti provenienti dalla zona del Rio Verde, dalla costa del Golfo del Messico e altre zone degli altopiani centrali come Teotihuacan.
Gli archeologi hanno identificato più di 150 tipi di costruzioni tra i quali distaccano 3 Juegos de Pelota, varie piattaforme di grandi dimensioni, basi di piramidi e due Temazcales. Si suppone che questa città sia stata fondata intorno al 600 d.c. e abbandonata tra il X e XII secolo. Successivamente, in rovina, fù ripopolata dalla popolazione Chichimecas nel secolo XVI.


Dopo aver visitato questo sito archeologico ci fermiamo a mangiare qualcosa alla sua entrata dove si trova una piccola area adibita per fare pic nic.
Riprendiamo cosi il nostro cammino di ritorno.


Quasi 60 km in totale e grande soddisfazione di tutti i partecipanti per i bellissimi panorami boschivi di queste zone.


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …