Passa ai contenuti principali

Prima pedalata 2013

La prima pedalata di questo nuovo anno l'ho voluta fare nella Sierra Gorda visitando uno dei miei luoghi preferiti: la montagna della Media Luna. Questa volta ho voluto collegare Cuatro Palos con el mirador della Media Luna. Partendo dalla comunità della Quebradora con altri 8 compagni di bici ci siamo diretti a Cuatro Palos dove abbiamo iniziato una discesa molto tecnica con panorami mozzafiato resi ancora più adrenalinici dal precipizio che si trovava a pochi centimetri dalle nostre ruote. Lungo il tragitto abbiamo incontrato delle cave dove vengono estratti minerali. Il tratto che collega Cuatro Palos al mirador della Media Luna non è molto lungo, non arriva ai 4 km, però per la sua difficoltà lo riusciamo a fare in quasi 2 ore. La vista dal mirador della Media Luna è altrettanto magnifica come quella di Cuatro Palos. Ampi spazi che fanno apprezzare la diversità di questo luogo in un area raggruppata tra i 2700 e 1000 mslm, tra pini e cactus, querce e agavi. Tra boschi e semideserto.
Il gruppo a questo punto si divide. Sei preferiscono proseguire fino a Bucareli. Io e altri 2 amici decidiamo di ritornare a Cuatro Palos per scoprire un altro cammino che ci condurrà al Derramadero e di seguito al punto iniziale della Quebradora. La salita fino a Cuatro Palos è faticosissima. Praticamente i 4 km sono stati fatti spingendo e caricando la bici in spalla. In alcuni tratti si procedeva fermandosi ogni 15-30 metri per la stanchezza, il caldo e l'altezza. Pero alla fine in poco più di due ore siamo riusciti a ritornare a Cuatro Palos. Qui troviamo Cirilo un amico che vive a pochi chilometri da qui e che in alcune occasioni ci ha fatto da guida e ospitato. Salutando Cirilo riprendiamo il cammino con una discesa che ci condurra al Derramadero. Questa volta il tragitto non è tecnico come il precedente e si passa per un meraviglioso bosco e tratti di terra rossa che ricorda Moab completamente pedalando. Passiamo per Mastranto, Joya del Derramadero felici e ricompensati dopo la difficile salita. La giornata si conclude alla Quebradora con grande soddisfazione per avere conosciuto due nuovi cammini. Un buon modo per iniziare questo 2013.

Buon anno!

























Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I problemi più duri del nostro Pianeta

Tre sarebbero le cause che maggiormente mettono in pericolo la vita sul nostro pianeta: il riscaldamento climatico, il progressivo aumento delle specie in via d’estinzione e la rapida crescita della popolazione. Ad affermarlo è l'ultimo allarmante studio presentato lo scorso 25 di Ottobre dalle United Nations Environment Programme (Unep), l'organismo delle Nazione Unite che ha sede a Nairobi e che si occupa della tutela ambientale.


Le attività umane ormai condizionano fortemente il clima della Terra e gli ecosistemi. Consumiamo più di quello che produciamo. La situazione si aggraverebbe ancora di più se la popolazione umana raggiungerà gli 8 miliardi di abitanti nel 2050. Negli ultimi venti anni, la popolazione mondiale infatti è aumentata di 1,7 miliardi di persone, passando da 5 a 6,7 miliardi di abitanti. La popolazione umana adesso è così numerosa che l'ammontare delle risorse di cui ha bisogna per sopravvivere è superiore a quelle che la Terra riesce a produrre. Consum…

La Catrina

Di tutti i personaggi che la cultura messicana contempla tra i più rappresentativi, se ne distingue uno molto caratteristico in questo mese che accompagnano i festeggiamenti di questa nazione in onore ai morti.

Il suo nome è Catrina, vestita con abiti eleganti e sgargianti cappelli. Le piace giocare con la vita e in un certo modo è sempre presente nelle feste dove i morti ritornano alla vita.

Questa elegante signora in ossa è la rappresentazione di una classe privilegiata che dominò in Messico tra la fine del XIXº e il principio del XXº secolo, durante la dittatura di Porfirio Díaz.


Il nome Catrina proviene dalla parola "Catrin", sinonimo di elegante, distinto, ben vestito, fino, sfisticato e altri aggettivi con i quali il popolo denominava la classe privilegiata di questa epoca.

Nel pomeriggio, infatti, le signore di alta società passeggiavano nel Paseo de Alameda di Citta del Messico, sempre molto eleganti, con cappello ed un ombrello.
La catrina è la compagna del Catrin e …

Adobe: il materiale di costruzione del passato e del futuro

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione.

Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c.
Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.Attualmente un terzo della popolazione vive in casa di adobe per mancanza di risorse per poter costruire con altri materiali.

Dall'altra parte, nei paesi industrializzati, si è incominciato a considerare questa tecnica per poter costruire strutture naturali ed ecologiche. Sempre più persone accettano l'idea di costruire la propria casa in adobe e con materiali naturali per i molteplici benefici che offre: …