lunedì 11 febbraio 2008

Temazcal


Temazcal o Temazcalli è una parola di origine Nahuatl e significa "Casa di Vapore" (Temaz=Vapore e Calli=Casa). È un bagno a vapore di acqua ed erbe aromatiche. El Tematzcal può essere costruito con foglie, pelli o mante ma anche con pietre e adobe. Il bagno a vapore si realizza dentro questa costruzione a forma di cupola e di piccole dimensioni. Il vapore viene provocato dall'acqua che viene versata su delle pietre porose riscaldate. Questa terapia millenaria è eseguita da un Temazcalero che, tramite un ventaglio costituito da dei rami di foglie ed erbe, indirizza il vapore verso le persone.

Il Temazcal, con quella sua forma ad iglù, raffigura il ventre materno della Madre Terra. La sua porta si può considerare l'utero della Madre Terra. Il luogo dove tutti proveniamo. All'entrarci si rappresenta un atto sacro, un ritorno alle origini in un mondo scuro, caldo e umido come quello di un ventre.

Anticamente veniva usato in molte aree sparse del Centro America.

Ormai in Messico se ne fà un uso spropositato senza un minimo di rispetto verso questa tradizione secolare e la sua sacralità, guidati da quella sorta di filosofia New Age, dove si mischiano usanze e credenze.
Ormai si possono trovare Temazcal negli alberghi, in centri olistici o negli spa.

Conosco un tipo che lo fa a casa sua... nel suo appartamento.

7 commenti:

  1. Molto ma molto interessante. Forse non tutti sanno che un trattamento del genere è utilissimo per eliminare tossine, metalli pesanti e anche colesterolo. So che anche in certe zone africane è praticato. Dovremmo farlo anche qua in italia, è un toccasana!
    Bob

    RispondiElimina
  2. Anche molte popolazioni indiane del Nord America lo praticavano come modo per purificarsi prima delle danze e dei riti sacri...
    La sauna finlandese, con le pietre caldissime e versando acqua ed essenze balsamiche sulle pietre calde per produrre vapore, è paragonabile a questa pratica???
    Una volta la sauna la facevo spesso... Saranno anni che non la faccio più... Caspita, mi avete fatto tornare la voglia!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Ciao ANdrea non riesco a trovare la ricetta dei tacos che mi hai detto di avermi passata. venerdì sera ho in mente di fare una cena mexicana. grazie Lucy di Essenzedinatura

    RispondiElimina
  4. Ciao Lucy perdonami ma in questi giorni sono stato poco al computer e non ho potuto leggere il tuo commento. La ricetta che ti postai riguardava una salsa con cui puoi condire i tuoi tacos. La puoi leggere alla fine dei commenti di questo post:

    http://perlaterra.blogspot.com/2007/12/dale-dale-dale.html

    Buon Appetito!

    RispondiElimina
  5. Ciao! stavo cercando info sui Temazcal e sono capitata sul tuo bel blog! :) Molto interessante questo post... esattamente quello che volevo sapere, grazie mille!
    La ragione per cui mi stavo documentando è questa meravigliosa canzone:
    http://www.youtube.com/watch?v=arkndXvxGag

    spero ti piaccia! :)

    Paola

    RispondiElimina
  6. Non conoscevo questa canzone e nemmeno il gruppo Monsters of Folk.
    É sempre un piacere sapere che un post possa servire ad una persona.

    Grazie per la visita e per la segnalazione del video.

    Un saluto d´oltreoceano

    RispondiElimina
  7. ...ormai, ogni volta che ascolto questa canzone, mi immagino Conor (la voce di questo pezzo)"sweating out his secrets" in quel temazcal... proprio quello della tua foto! ihih!
    Comunque non conosco quale sia il tuo genere di musica preferito, ma posso assicurarti che questi ragazzi sono davvero forti... :)
    Io seguo da anni Conor Oberst e tutti i suoi mille progetti e non ne sono mai rimasta delusa, anzi...
    Beh, verrei volentieri oltreoceano anche per vederli dal vivo, visto che l'Italia l'hanno un po' dimenticata. Comunque per il suo progetto precedente ai Monsters Of Folk, Conor è andato a registrare proprio in Messico! :) So che adora quei posti!

    Ad ogni modo, grazie di nuovo per avermi svelato il dilemma dei temazcal... Non so quale sia la pronuncia corretta, ma come lo dice Conor è davvero eufonico!

    Buona giornata, Andrea! :)
    un saluto da una Milano innevata

    RispondiElimina